facebook.com/NOTABLUES

“Il blues ha avuto un bambino e l’ha chiamato rock‘n’roll”

(Muddy Waters)

I Notablues sono un gruppo rock-blues fondato nel 2010 dai fratelli Alessandro Tronci (classe 1980) e Emanuele Tronci (classe 1990), entrambi chitarristi. Il progetto dei fratelli Tronci è fondamentalmente quello di tenere viva la memoria del blues e, per dirla alla Muddy Waters, del suo figlio primogenito, il rock, con particolare riferimento proprio a quella magica “fase intermedia” a cavallo degli anni ‘60/’70; tutto ciò avviene sia con l’esecuzione di classici del genere, sia proponendo pezzi originali.

fb_img_1472217285840

La formazione iniziale, oltre ai due chitarristi, prevede Jonathan Atzori alla voce e Luca Ienco alla batteria, il quale tuttavia, dopo breve tempo, lascia il posto ad Alberto Gatti, attuale batterista del gruppo. Alberto Gatti, classe 1990 e completamente autodidatta, avvicinatosi allo strumento grazie all’ascolto di gruppi quali Green Day, Linkin Park e Queen, trae ispirazione da alcuni grandi batteristi del passato e del presente (da John Bonham a Steve Gadd, da Ian Paice a Chad Smith, passando attraverso Steve Ferrone, Steve Jordan, Taylor Hawkins e tanti altri).

fb_img_1472217320453

La formazione così composta comincia ad esibirsi dal vivo, facendo il proprio esordio in occasione del Life For Flying 2010. Qualche mese dopo, quando ormai il gruppo sembra intenzionato a mantenere la formazione a quattro elementi, si registra l’ingresso di Daniel Trecco al basso (classe 1990, già bassista della cover band pop rock Swound Sound), le cui influenze vanno da Jack Bruce, John Paul Jones e Jaco Pastorius, fino ad arrivare a Les Claypool e Flea.

Nel gennaio 2012 Jonathan Atzori è costretto a lasciare il gruppo per motivi personali e viene sostituito da Emanuele Cavaglià (classe 1988), il quale, forte di un invidiabile curriculum sia come membro di altre band (ex frontman del gruppo rock Narcan e dei Motorleg, tribute band dei Motorhead, e attuale membro del duo acustico di tribute ai Beatles “Mumbles”) che come solista (prende parte a concorsi quali “Pagella non solo rock”, “Switch” e “Reset Festival” e nel dicembre 2011 pubblica il suo primo EP dal titolo “Storie Quotidiane”), assume il duplice ruolo di vocalist e armonicista.

fb_img_1472216962711

Nel settembre 2012 i Notablues incidono il loro primo EP dal titolo “Northern Blues”, contenente cinque brani originali (“The lonely knight”, “What a pity”, “Rain & blues”, “Take the guitar again”, “Lovers blues”) e una cover (“Cold day in hell” di Gary Moore).

I Notablues hanno aperto a concerti di artisti e band quali Fabio Treves Blues Band, Enrico Polverari, Dario Lombardo e Bad Bones.

Le chitarre dei fratelli Tronci, dal suono grezzo e robusto, in continuo dialogo fra loro, improvvisano ed eseguono groove e assoli di stampo chiaramente “old school”, il tutto sulla solida base ritmica fornita dalla batteria di Alberto Gatti e dal basso di Daniel Trecco, granitica e istintiva al tempo stesso. Sopra di essi, il calore della voce di Emanuele Cavaglià e della sua armonica.

fb_img_1472216998179

FORMAZIONE

Emanuele Cavaglià: voce, armonica, tastiera

Ale Tronci: chitarra

Emanuele Tronci: chitarra

Daniel Trecco: basso

Alberto Gatti: batteria

facebook.com/NOTABLUES

Annunci