Esiste, nel cuore della Provincia Granda, un quartetto dal profondo spirito cantautorale, legato tanto alla classica tradizione musicale italiana quanto allo spirito goliardico ed irriverente delle “nuove leve” del panorama nostrano.

Il quartetto in questione – che nasce inizialmente come trio, con chitarra, basso e cajon, e come trio produce il loro primo EP “Caramelle & Rock’n’roll (nel salotto della zia)” – si chiama Banda Fratelli, e nasce nell’estate 2006 ad opera di Andrea Bertolotti (chitarra e voce), Carlo Banchio (cajon) e Matteo Bonavia (basso). Nel 2011 troverà posto nella formazione anche Enrico Gallo, alle tastiere.

banda2.jpg
Dalla sinistra : Matteo (basso), Enrico (tastiere), Carlo (cajon) e Andrea (voce e chitarra)

Come già citato sopra, nel 2009 esce il loro primo EP autoprodotto: “Caramelle & Rock’n’roll (nel salotto della zia)”. L’EP contiene, tra le altre, “La mostarda ci godeva” e “Topolino”, che hanno poi trovato gloria a “Demo” su Radio Uno Rai e a “Tutto Esaurito” su Radio 105.

Forti di uno stile peculiare che unisce cantautorato ad una splendida stesura dei testi, e di una formazione atipica, che riesce a spingere sia sul versante più pop sia verso lidi di musica più ricercata, la Banda Fratelli comincia una sorta di “infinito tour” nei locali e nei festival della provincia Granda e non solo, facendosi conoscere un po’ ovunque.

Nel 2011 arriva l’album d’esordio “Buongiorno, disse il metronotte” (pubblicato per la Controrecords) registrato tra il TR Recording Studios di Manta (CN) da Luca “Tex” Testolin e il Transeuropa Studio di Torino da Fabrizio “Cit” Chiapello (già al lavoro con Subsonica e Baustelle), che ne ha curato anche il mix e la produzione artistica.

Alcune canzoni estratte da questo disco hanno regalato alla Banda Fratelli una vetrina nazionale: “Buongiorno, disse il metronotte” è stata utilizzata come sigla del programma estivo di Mauro e Andrea su Radio Deejay, mentre “Il Pirata in Frac” è stata scelta per aprire la compilation “Torino Musicale” di Rolling Stone e “Rosso” è stata programmata a “Caterpillar” su Rai Radio 2.

Il disco approfondisce lo stile musicale già espresso nell’EP di esordio, e grazie all’ingresso in formazione di Enrico Gallo alle tastiere, permette al gruppo di esplorare territori diversificati, grazie alla cura certosina per gli arrangiamenti e ad un songwriting sempre più di qualità.

Lo stile della Band Fratelli rimane sempre in bilico fra serietà e demezialità, così come mischia alla perfezione l’emozione più cristallina con il divertimento meno razionale.

La Banda Fratelli è stata inserita, inoltre, nel roster nazionale Arci Real, che raggruppa alcune tra le proposte musicali più interessanti sul territorio italiano e su oltre mille partecipanti è stata selezionata per le audizioni live di Musicultura 2012.

banda1

Nel 2013, la Banda è tornata al Transeuropa Studio per registrare il suo secondo album, “L’amore è un frigo pieno”. La produzione artistica è stata nuovamente firmata da Fabrizio “Cit” Chiapello, con master realizzato al Nautilus di Milano. Il disco è uscito a marzo 2014, ancora una volta per Controrecords, preceduto dall’uscita del singolo “La Rivoluzione Sessuale”

 

Negli oltre nove anni di attività live, la Banda Fratelli ha diviso il palco con Giuliano Palma & The Bluebeaters, Africa Unite, Perturbazione, Nobraino, Il Pan del Diavolo, Il Genio, Meganoidi, Ettore Giuradei, Fabio Treves Blues Band, Mr. T-Bone & The Young Lions, Nicolò Carnesi e molti altri, e viene riconosciuta come una delle realtà musicali più fresche ed interessanti degli ultimi anni.

 

-Gimmy-

Annunci