Cos’è che attanaglia chitarristi bassisti e suonatori di strumenti in genere?
Il suono! La sua ricerca dura una vita e l’insoddisfazione diventa la compagna del musicista e lo spinge alla ricerca, quasi spasmodica, della chimera!
Lo cerchiamo come fosse Eldorado: un mito di cui le leggende parlano e l’utopia ci spinge alla ricerca di qualcosa che sappiamo non troveremo mai!
Non tutto però è una chimera: il proprio suono esiste davvero ed è dato da un infinità di elementi, a volte modellabili a nostro piacimento, ma a volte solo determinati dal nostro personalissimo “tocco”.
Conosco un sacco di musicisti ossessionati dal suono del chitarrista X o dal bassista Y!
Batteristi che cercano il timpano o il rullante del batterista Z.
Tutto senza considerare che il proprio “modo e impostazione ” nel suonare determina ciò che sia il pubblico che noi udiamo e che ci rende unici e speciali!
Lo stesso strumento non suonerà mai allo stesso modo con mani diverse!
In questa rubrica vorrei parlarvi di come un suono nasce dal legno di una chitarra o basso, dai suoi pickup, dalle corde, di come un effetto possa cambiare il timbro, di come un mixer possa equilibrare la musica di molti strumenti insieme, di come i nuovi materiali siano più o meno performanti dei vecchi.
Voglio raccontarvi la storia di mani appassionate che accarezzano il legno, fondono stagno, scelgono meccaniche, pickup, corde,che scavano camere tonali alla ricerca del Suono con la S maiuscola!
Vi parlerò di impianti audio e luci che rendono uno spettacolo di musica live unico è bellissimo !
La musica si ascolta anche con gli occhi!
Se vi siete ritrovati nella spasmodica ricerca del suono allora siete musicisti!!!
Persone che non cercano l’imitazione ma vogliono raggiungere quel timbro personale che nella mente è così chiaro e nella realtà cosi indefinito , che ci porta a provare ogni ritrovato della tecnologia e ci fa sognare uno strumento degli anni 70!
Quante volte parlando del suono desiderato non sappiamo che parole usare ma nella nostra testa risuona chiaro e nitido ma pur sempre indescrivibile a parole…..
Compagni di viaggio, forse il suono ideale è un utopia e non lo realizzeremo mai, ma proveremo a capirci di più, a confrontarci e a camminare insieme verso la nostra Eldorado!!!
Buona musica compagni, qualsiasi sia il genere che suonate o cantate, qualsiasi sia il vostro strumento e qualsiasi sia il suono che vi risuona nella mente!
Non siamo soli e la ricerca del suono sarà un avventura di una vita, una ricerca senza fine, un sogno che in pochi riusciranno a realizzare e che io spero di non realizzare mai per continuare a suonare con l’ansia di attaccare un’altra volta il basso all’ampli e bruciare nel desiderio di trovarlo!

Alla prossima puntata della ricerca del suono!

12

Annunci